Category Archives: Programmi

Come Creare Backup Veloci

Ainvo Copy è un’utility di protezione dati e backup degli stessi che si basa sulla tecnologia nativa di Windows VSS (Windows Shadow Copy).
Il sistema di “shadow copy” permette non solo di mantenere la consistenza dei dati anche in casi estremi, ma anche di difendersi da vulnerabilità quali possono essere i più comuni virus, malwares, bug di applicazioni e perdite di dati in generale.
Dato che VSS è utilizzato per creare backup che lavorano in background, è possibile proseguire con il proprio lavoro senza essere disturbati da notifiche tramite popup etc.

Ainvo Copy offre un’interfaccia semplice e diretta e consente di creare il proprio backup attraverso funzionalità facilmente intuibili tramite i pulsanti presenti sulla barra degli strumenti.
Per iniziare, basta premere su Add to start creando un’attività che darà luogo alla copia di backup.

L’interfaccia principale espone tutte la sue funzionalità tramite grandi pulsanti colorati abbelliti da icone descrittive.
Per ciascuna attività creata, è possibile specificare la cartella dove verrà eseguito il backup, i filtri che l’utente desidera applicare nello specifico, e molto altro.

Inoltre, se opportunamente configurato , viene anche creato un log per analizzare il processo di esecuzione delle attività.
Tutte le opzioni di cui si dispone, sono descritte tramite appositi tooltip.
Una volta che tutte le opzioni sono configurate, è possibile tornare all’interfaccia principale per dare inizio alla copia di backup o per schedulare le prossime attività

L’utilizzo dell’applicativo varia molto a seconda delle abilità che l’utente può acquisire a mano a mano. Per esempio, l’utilizzo dei filtri, la variazione dei livelli di compressione, la pianificazione delle attività, l’analisi dei log possono contribuire a variare i risultati che si vogliono ottenere.
L’utilizzo è garantito su macchine dotate di Windows 7 sebbene la compatibilità sia stata testata su Windows 2003, XP, Vista e / sia a 32 che a 64 bit.

Come Creare i Sottotitoli

Se state cercando un’applicazione freeware per creare dei sottotitoli per i vostri film preferiti, questo articolo vi ineteresserà di certo.

Si tratta di Subtitle Maker Pro Freeware, un potetente strumento progettato per le piattaforme Windows e permette la creazione di testi in pochi minuti, senza la necessità di aggiungere i fastidiosissimi script. Con questo tool, in pochi semplici passaggi, con la funzione “Lyrics” sarà possibile aggiungere il testo di una canzone ai file musicali.

I caratteri a disposizione sono quelli più comuni per i sottotitoli e alla fine della digitalizzazione -o dopo aver incollato il testo-, questo sarà salvato in uno dei formati più diffusi per i sottotitoli, inoltre potrà essere convertito in qualsiasi altro formato, senza perdere la sua accuratezza.
In dettaglio, ecco cosa offre Subtitle Maker Pro:
Creare il testo in semplici mosse, senza l’inserimento degli script.
Creare oggetti ID3 (Synchronized Lyric) e salvarli in file mp3, inoltre è possibile esportarli in altri formati.
Per garantire una certa precisione, per la gestione dell’ora è possibile utilizzare secondi e millisecondi.
Utilizzare i “progetti multilingua”.
Salvare i sottotitoli in diversi formati.
Importare file di testo in un formato per poterlo convertire.

Subtitle Maker è stato sviluppato da Ala Hadid (AHD) e supporta diversi formati, tra cui i diffusissimi Power Divx e sottotitoli per DVD. Per prendere visione di tutti i formati supportati è disponibile questa pagina web, se avete altre esigenze, dal sito stesso del produttore potrete scaricare dei pacchetti aggiuntivi.

Questo Freeware è compatibile con la maggior parte di piattaforme Windows, purtroppo la più recente Win 7 è esclusa, ma non lo sono: win 98, me, XP e Vista. Per far girare il programma sono necessari almeno 64 MB di memoria Ram.

Inoltre, se avete un computer datato e notate che il programma, sia per l’avvio che per l’esecuzione, ci impiega troppo tempo, potete innanzitutto chiudere i programmi non necessari (anche emule, o vuze se sono in esecuzione) e in secondo luogo è possibile effettuare alcune piccole modifiche al programma:

Dal menu del programma, effettuate l’accesso agli Strumenti, scegliete la voce “Opzioni” e da qui scegliete la scheda “Riproduzione”. In questo pannello modificate il valore del timer Player, certo, modificando questo valore le prestazioni del tool subtitle maker si abbasseranno, ma sarà più agile e rispetterà le prestazioni del vostro PC.

Come Convertire PowerPoint in Video

Le presentazioni in Power Point, realizzate inizialmente per attività scolastica o lavorativa, hanno avuto, nel tempo, un’evoluzione tale da essere utilizzate anche in contesti diversi, per le più svariate attività.

In questo post vedremo dunque come convertire le presentazioni dal formato pps di Power Point in diversi formati video, attività utile, ad esempio, per poter caricare presentazioni sul portale Youtube e condividerli con più facilità, ed in un modo più elegante, in rete.

La recensione in oggetto interessa un software nuovo, che risponde al nome di PPT2video-free. Promosso dalla Wondershare, già produttrice di numerosi Converter Software in grado di affrontare il problema della conversione e della compatibilità tra formati diversi.

La versione gratuita si PPT2video supporta purtroppo, però, solo i formati WMV di Windows, MOV di QuickTime, MKV e ASF. Per effettuare operazioni utilizzando gli altri formati, è necessario utilizzare una delle due versioni a pagamento, che implementano ulteriori funzionalità.

Per convertire un file Power Point PPT in video è comunque il caso di annoverare ulteriori software davvero interessanti

E.M Free Powerpoint Video Converter rappresenta, al momento, la migliore delle soluzioni gratuite. Risulta essere un software da scaricare ed è davvero intuitivo da utilizzare, basta infatti selezionare i file presentazione per poterlo convertire in video. Le presentazioni create con PowerPoint 2007 vanno comunque prima convertire nel formato PPT 2003.

Xilisoft Powerpoint to video converter, disponibile inversione gratuita o a pagamento, rappresenta più di una valida alternativa, grazie alla completezza ed alla vasta gamma di possibilità che offre. Comparando la versione free con quella di PPT2Video, notiamo che sono resi disponibili anche i formati AVI, H.264/MPEG-4 AVC Video(*.mp4), MPEG2 Video(*.mpg) e FLV-Flash Video Format(*.flv).

La scelta, più intelligente, dunque, è quella valutare il download di uno dei software gratuiti sopra citati, in grado di offrire la conversione nel formato desiderato.

Programmi per Cercare sul Computer

Di motori di ricerca desktop ne esistono a bizzeffe, alcuni sono offerti da grandi multinazionali, come Microsoft Windows Search o Google Desktop Search altri invece sono meno noti ma hanno delle caratteristiche molto spesso uniche.

Risulta essere il caso di TheSearchMan, un software portable, leggerissimo, pesa solamente 19Kb, fornisce un interfaccia di ricerca molto semplice da utilizzare, dovremo semplicemente selezionare la cartella e indicare la parola chiave per far partire il programma.

Ma la cosa interessante di questo programma è la sua capacità di effettuare una seconda ricerca all’interno dei risultati della prima, con lo scopo di affinare i risultati.

L’unica nota negativa è rappresentata dal fatto che TheSearchMan non fa uso di una banca dati per indicizzare i file del nostro Pc, questo significa che per visualizzare i risultati dovremo pazientare qualche secondo.

Come Tracciare un Indirizzo IP

Ogni PC che naviga nella rete è univocamente identificabile tramite una serie di numeri (per la precisione 4 separati dal punto) che funzionano analogamente alla targa dell’automobile. Tale sequenza di numeri si chiama Indirizzo IP.

IP Locator è una piccola utility molto leggera che permette di ottenere tutte le informazioni possibili circa un indirizzo IP, come il nome dello stato, il range di indirizzi IP a cui appartiene, ma anche informazioni trasversali come ad esempio l’indirizzo, il numero di telefono o di fax e l’indirizzo e-mail.

In sostanza, con IP Locator, è possibile tracciare la posizione di un dato indirizzo ripercorrendo al contrario la strada che i dati farebbero per raggiungere quel determinato host.
Le informazioni circa l’indirizzo sono ottenute inviando una richiesta al servizio WhoIs di ARIN.
Qualora il database di ARIN non avesse le informazioni richieste, verrebbe inviata una seconda richiesta a RIPE, APNIC, LACNIC or AfriNIC ossia altri servizi disponibili in rete che mantegono tali informazioni mediante appositi database.

Tra le tante informazioni che possono essere ricavate da un singolo IP, ci sono anche i valor di latitudine e di longitudine (alla faccia della privacy!) e il nome dell’host.
L’applicazione include anche Google Maps per poter visualizzare sulla mappa la posizione dell’host.
Utilizzare l’applicazione è molto semplice, basta infatti premere il tasto Add sulla barra degli strumenti ed inserire l’indirzzo IP che si desidera tracciare. Il software impiega un attimo di tempo per ottenere le informazioni richieste quindi verranno mostrate sul fondo della finestra.